Stampa
Categoria: Note e comunicati
Visite: 1826

Roma, 16 maggio 2017

Si è svolto nel pomeriggio di giovedì scorso un incontro con l’Amministrazione convocato, così come convenuto nella precedente riunione, per approfondire in dettaglio il piano di assunzioni.

Il piano, molto articolato, prevede diversi processi che possono essere, così, sintetizzati:

Assunzioni:

Infine, sul fondo assunzionale per la Pubblica Amministrazione previsto dalla legge di bilancio 2017, il MAECI ha chiesto di poter bandire nel 2018 concorsi per ulteriori 23 funzionari APC, 30 informatici (di cui 11 sarebbero gli idonei del concorso 2008) e ulteriori 77 terze aree amministrativo/contabili/consolari. In conclusione gli organici delle AA.FF. saranno aumentati di circa 200 unità e l’obiettivo è anche quello di costituire, attraverso i concorsi, una lunga lista di idonei a cui attingere negli anni seguenti senza dover attivare nuove procedure selettive.

Ciò posto non possiamo non sottolineare l’importante novità rappresentata dal fatto che l’Amministrazione abbia deciso di intervenire rispetto ai danni conseguenti la diminuzione delle AA.FF. e che abbia riavviato una politica assunzionale che auspichiamo possa avere una continuità nel tempo. In effetti, senza continuità, anche questo apprezzabile sforzo non sortirà alcun effetto positivo ma lascerà l’Amministrazione nella stessa situazione di carenza di organici. Va assolutamente invertita la politica dei tagli lineari e del blocco del turn over, perseguita dagli ultimi esecutivi, come peraltro ha denunciato con fermezza in questi anni il sindacato confederale. In tal senso sarà nostro compito vigilare sulla correttezza delle azioni che l'Amministrazione ha deciso di porre in essere.

La scelta di ricorrere alle graduatorie Ripam, giustificata dalla maggiore rapidità della procedura, non ci sembra invece comprensibile sotto il profilo funzionale e dell’opportunità, soprattutto per l’assunzione di personale di Terza Area amministrativo/consolare/contabile. Infatti così facendo, da un lato si rischia di perdere la specificità del personale MAECI recentemente ribadita dai nuovi inquadramenti, dall’altro riduce la possibilità di riserva di posti per il personale interno. Inoltre il ricorso a queste graduatorie rende necessario un serio e approfondito percorso formativo. Riteniamo a questo punto di fondamentale importanza che sia concordata con l’Amministrazione un’ampia riserva di posti per il personale interno prima che siano avviate le previste procedure concorsuali in Terza Area.

Non condividiamo inoltre il silenzio su eventuali concorsi per la Seconda Area che, senza nessuna spiegazione né condivisibile motivazione, l’Amministrazione ha scelto di non rafforzare nell’organico. Si tratta di una scelta pericolosa sotto il profilo funzionale in quanto sottovaluta del tutto l’importanza del lavoro svolto dal personale della Prima e Seconda Area chiamato, soprattutto all’estero, ad assolvere mansioni superiori a quelle relative ai profili di appartenenza assumendone anche le connesse e gravose responsabilità. Sarebbe assai grave se tale scelta fosse frutto della decisione – mai apertamente dichiarata ma, di fatto, praticata da anni – di sostituire sulla rete estera il predetto personale di ruolo con quello a contratto.

In allegato il volantino unitario.

 

Allegati:
Scarica questo file (Comunicato Assunzioni.pdf)PIANO ASSUNZIONI AL MAECI[ ]56 kB