Stampa
Categoria: Note e comunicati
Visite: 281

Le misure di gestione dell’emergenza CoVid-19 vengono aggiornate quotidianamente a livello centrale e il nostro compito in questi convulsi giorni è stato di sollecitare la nostra Amministrazione ad adottare il più tempestivamente e compiutamente possibile i provvedimenti raccomandati.

Relativamente alle misure di igiene e prevenzione abbiamo richiesto con urgenza il posizionamento di erogatori di detergenti non solo all’esterno ma anche all’interno del MAECI e continuiamo a sollecitare l’installazione di barriere fisiche e la distribuzione di dispositivi di protezione individuale per tutti gli uffici esposti all’affluenza di pubblico esterno.

Nei giorni scorsi abbiamo inoltre insistito con l’Amministrazione affinché proceda ad una rapida estensione delle forme di lavoro agile, visto che la direttiva n. 1 del 25/02/2020 già invitava a “potenziare il ricorso al lavoro agile, individuando modalità semplificate e temporanee di accesso”. Altre amministrazioni più solerti si sono già attivate in tal senso.

Abbiamo pertanto chiesto di procedere ad una ricognizione delle esigenze rappresentate dal personale, in particolar modo riguardo a portatori di patologie che li rendono maggiormente esposti al contagio, a coloro su cui grava la cura dei figli a seguito della chiusura degli asili nido e scuole nonché a coloro che si avvalgono di servizi pubblici di trasporto per raggiungere la sede lavorativa.

Dovranno quindi essere snellite le procedure sia per estendere le giornate di lavoro agile per le posizioni già assegnate, sia per attivare nuove posizioni.

Abbiamo anche chiesto di dare indicazioni certe ed univoche su come considerare gli eventuali giorni di isolamento/quarantena, soprattutto per i colleghi all’estero per i quali - in mancanza di specifici interventi normativi in deroga, giustificabili, a nostro avviso, dall’eccezionalità della situazione -  il conteggio di questi periodi come giorni di malattia o ricovero ospedaliero entrerebbero nel cumulo dei giorni di comporto (61) ai fini della decadenza dalla sede.

Su questi temi continueremo ad incalzare quotidianamente l’Amministrazione a tutti i livelli.

FP CGIL                                 CISL FP                                 UILPA